giovedì 15 novembre 2012

Patrimoni dell'umanità - Stonehenge



Stonehenge (pietra sospesa, da stone, pietra, ed henge, che deriva da hang, sospendere: in riferimento agli architravi) è un sito neolitico che si trova vicino ad Amesbury nello Wiltshire, Inghilterra, circa 13 chilometri a nord-ovest di Salisbury sulla piana omonima. È composto da un insieme circolare di grosse pietre erette, conosciute come megaliti. C'è dibattito circa l'età della costruzione, ma la maggior parte degli archeologi ritiene sia stato costruito tra il 2500 a.C. e il 2000 a.C.. L'edificazione del terrapieno circolare e del fossato sono state datate al 3100 a.C..

Dall'inizio dell'Ottocento molte pietre caddero e furono messe nella loro posizione attuale dagli ingegneri vittoriani. Secondo studi recenti i lavori di ristrutturazione si protrassero fino agli anni '70 del Novecento, introducendo modifiche sostanziali nella disposizione originaria: Certo, ammettono gli archeologi dell'English Heritage, senza tutti questi lavori Stonehenge avrebbe un aspetto molto diverso. Pochissime pietre sono ancora esattamente nel posto dove furono erette millenni fa. Lo storico ricercatore Brian Edwards è arrivato ad affermare che - dopo i lavori compiuti dall'archeologo Alexander Keiller (18891955) - "ciò che vediamo ha meno di 50 anni di età".

A tre chilometri di distanza da Stonehenge è stato ritrovato da ricercatori della National Geographic Society un villaggio risalente al 2600 a.C. composto da circa venticinque piccole case. Si ritiene che fossero utilizzate per ospitare i costruttori del complesso, o i visitatori di qualche cerimonia.

Il sito è stato aggiunto alla lista dei patrimoni dell'umanità dell'UNESCO nel 1986. Le pietre di Stonehenge sono allineate con un significato particolare ai punti di solstizio ed equinozio. Di conseguenza alcuni sostengono che Stonehenge rappresenti un "antico osservatorio astronomico", anche se l'importanza del suo uso per tale scopo è dibattuta.
Stonehenge all'alba del solstizio d'estate (21 giugno 2005), con una folla di 19.000 persone che hanno aspettato l'alba tutta la notte

Oltre che meta del turismo di massa, Stonehenge è attualmente luogo di pellegrinaggio per molti seguaci del Celtismo, della Wicca e di altre religioni neopagane, e fu teatro di un festival musicale libero tra il 1972 e il 1984; nel 1985 tale festival fu bandito dal governo britannico a causa del violento confronto tra la polizia e alcuni partecipanti che divenne noto come la Battaglia di Beanfield.

sabato 6 ottobre 2012

Tomba a tumulo a Ricettulla vicino Taranto


Tomba a tumulo a Ricettulla vicino Taranto.

giovedì 6 settembre 2012

lunedì 6 agosto 2012

venerdì 6 luglio 2012

mercoledì 6 giugno 2012

domenica 6 maggio 2012

venerdì 27 aprile 2012

domenica 22 aprile 2012

Archeoastronomia. Da Giza all'Isola di Pasqua

Archeoastronomia. Da Giza all'Isola di Pasqua
Giulio Magli
Pitagora

L'archeoastronomia è la "scienza delle stelle e delle pietre". Se usata con le dovute cautele, può fornire nuove, importanti informazioni su tanti enigmatici monumenti del passato, quali ad esempio Stonehenge, Machu Picchu o le piramidi di Giza. In questi luoghi infatti, e in tantissimi altri, esistono chiare tracce dell'interesse dei costruttori per i movimenti dei corpi celesti; si tratta, in molti casi, dell'unica informazione scritta che i costruttori stessi ci abbiano lasciato. Nella prima parte del libro il lettore viene dunque accompagnato in un ideale viaggio attorno al mondo sulle tracce delle tante affascinanti scoperte compiute da questa disciplina nello studio delle più importanti civiltà del passato. La seconda e terza parte costituiscono un approfondimento monografico sui metodi dell'Archeoastronomia e sulla loro applicazione allo studio del breve periodo in cui furono costruiti alcuni tra i più grandi capolavori della storia dell'architettura, le grandi piramidi d'Egitto.

sabato 21 aprile 2012

L'orizzonte culturale del megalitismo

L'orizzonte culturale del megalitismo
Marisa Grande
Besa Editore
da pag. 299-301: « Il centro, punto particolarmente energetico, origine d'irradiazione elettromagnetica rispetto al quale il territorio si espande, era inteso dal popolo costruttore dei megaliti come luogo della totalità di tutte le possibilità, nel quale si pensava che si rinsaldassero e si riconciliassero gli opposti, in cui si rafforzava la comunicazione e il connubio tra il cielo e la terra. La specchia dolminica, in quanto cellula spaziale e, come l'uovo cosmico, punto di concentrazione delle energie, era anche considerato il luogo di espansione fisica e psichica dell'uomo, attraversato da onde di flusso di moti sotterranei centrifughi e centripeti. Le cavità ipogee che si aprivano nelle montagne o nei cumuli litici delle colline artificiali costituivano le sacche di riflusso dei moti originati dal nucleo, cuore simbolico della terra, che, al pari del cuore dell'uomo, del sole allo zenit, o degli astri notturni sul polo della volta celeste, pulsava energia dall'interno all'esterno, lungo le direttrici d'irradiazione e di collegamento dei vari livelli spaziali. Un asse equilibrante si riteneva che potesse passare attraverso un onphalos, attraverso un pozzo e un cumulo a specchia o una montagna sacra, attraverso un menhir o una colonna, e, poi, una ziqqurat, una piramide, uno stupa, un tempio pagano come anche una basilica cristiana, tutti immagini dell'asse cosmico avente origine nel “cuore dell'universo”, nell'originario “uovo energetico cosmocentrico”. Per ogni cavità-onphalos si apriva sulla superficie della terra un ombelico, un punto di passaggio di un ideale asse che potesse collegare il centro, il cuore, il nucleo con la volta celeste, lungo il quale potevano fluire correnti di energia preposte a vincolare il cielo e la terra in un solidale e armonico rapporto. Il popolo costruttore di megaliti aveva piena coscienza della precarietà di tale equilibrio cosmico, essendo stato testimone di eventi catastrofici, che avevano segnato drammaticamente la sua storia, per questo si prodigava costruendo “passaggi obbligati” di flussi di elettromagnetismo della terra, “porte sacre” come i triliti, che li trasformavano da “caotici” a “coerenti”. La rete di megaliti entro la quale si intendeva avvolgere la madre terra era, perciò, in diretta corrispondenza con la volta celeste. Secondo l'intento di un'umanità che non ne ha ancora completato il progetto originario, i megaliti rispondenti ai modelli specifici della propria epoca, sparsi su una vasta scala territoriale, riproducevano sulla terra le mappe celesti in simmetria speculare. I flussi elettromagnetici che vincolavano tra loro i megaliti avrebbero stretto il pianeta in una rete di natura energetica e, in un rapporto di omologia con la volta celeste, ne avrebbero rinsaldato il vincolo, conferendo ordine al tutto. Il moto retrogrado precessionale della terra, sconvolgendo periodicamente quell'ordine imposto dal basso, era considerato l'elemento caotico, che s'insinuava come un serpente malefico nel patto stipulato tra  cielo e terra»

venerdì 6 aprile 2012

martedì 27 marzo 2012

giovedì 22 marzo 2012

cultura megalitica e archeo-astronomia

cultura megalitica e archeo-astronomia

cultura megalitica e archeo-astronomia

martedì 6 marzo 2012

giovedì 1 marzo 2012

lunedì 27 febbraio 2012

giovedì 16 febbraio 2012

martedì 14 febbraio 2012

osservazioni sulla funzione astronomica delle Externsteine

osservazioni sulla funzione astronomica delle Externsteine

osservazioni sulla funzione astronomica delle Externsteine

mercoledì 8 febbraio 2012

Malta il tempio megalitico di Hagiar Kim denonaminato la Pietra della Venerazione


Malta il tempio megalitico di Hagiar Kim denonaminato la Pietra della Venerazione.

lunedì 6 febbraio 2012

domenica 29 gennaio 2012

il tumulo di Saint-Michel

il tumulo di Saint-Michel

il tumulo di Saint-Michel

venerdì 27 gennaio 2012

domenica 22 gennaio 2012

Origini - 1990 - megaliti e archeo-astronomia

Origini - 1990 - megaliti e archeo-astronomia

Origini - 1990 - megaliti e archeo-astronomia